Responsive image
Amélie Nothomb

Cosmetica del nemico

n.e.

traduzione di Biancamaria Bruno

Amazzoni
2021, pp. 112, Brossura 14,5x20,5

ISBN: 9788862434683
€ 13,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 13,00
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Tutto comincia nella sala d’attesa di un aeroporto, un passeggero legge per ingannare il tempo. Ma è lui la vittima designata, è sufficiente parlargli per far scattare la trappola. Tutto finisce nella sala d’attesa di un aeroporto. Un giallo? Forse. Certamente un’indagine sulla doppiezza dell’uomo e sulla sua cecità, condotta in dialoghi mozzafiato. Già adattato da diverse produzioni per il teatro, questo romanzo è diventato recentemente anche un film diretto dal regista spagnolo Kike Maíllo.

Autore

Amélie Nothomb

Nata a Kobe, Giappone, nel 1967 da genitori diplomatici, oggi vive tra Bruxelles e Parigi.
Scrittrice di culto non solo in Francia – dove ha esordito nel 1992 con Igiene dell’assassino, il romanzo che l’ha subito imposta – pubblica un libro l’anno, scalando a ogni uscita le classifiche di vendita.
Innumerevoli gli adattamenti cinematografici e teatrali ispirati ai suoi romanzi e i premi letterari vinti, tra cui il Grand Prix du roman de l’Académie Française e il Prix Internet du Livre per Stupore e tremori, il Prix de Flore per Né di Eva né di Adamo, e due volte il Prix du Jury Jean Giono per Le Catilinarie e Causa di forza maggiore.
Sete, uscito in Francia nel 2019, è arrivato secondo al Prix Goncourt dello stesso anno.
Tutti i suoi libri sono pubblicati in Italia da Voland.

Rassegna stampa
Federica Malinverno, actualitté (Francia), 21/10/2021

Amélie Nothomb et Voland, son éditeuritalien : “ Une fidélité absolue ”

Nothomb: «Sono una scrittrice paranoica», l'Unità, 24/02/2007

Mirella Caveggia

SARA CHIAPPORI, La Repubblica, 16/01/2004

La cosmetica è troppo artificiosa

Francesca Giuliani, Repubblica, 04/06/2003

Le storie di Amélie e la vestale dei libri

Francesca Borrelli, l'Unità, 28/02/2003

Amélie Nothomb, dialoghi impertinenti all'ombra del nemico