Responsive image
Cvetaeva/Vitale

Le notti fiorentine

a cura di Serena Vitale

Sírin Classica
2013, eBook

ISBN: 9788862432696
€ 4,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

“Mosca, febbraio 1921. Un infreddolito e annoiato Brjusov presentava una serata di poetesse; tra loro era anche Marina Cvetaeva: ‘Donna. Amore. Passione. Da che tempo è tempo la donna ha saputo cantare soltanto l’amore e la passione. L’unica passione della donna è l’amore. Ogni amore della donna è passione. Fuori dell’amore la donna, in arte, è nulla. Provate a togliere alla donna la passione…’ Non proviamoci, con Marina Cvetaeva. Le dilatazioni e contrazioni dell’elemento erotico-poetico (diastole di tenero abbandono e slancio, sistole di rinuncia e anatema) segnano il ritmo segreto dei suoi versi; privata dell’amore, la sua opera — lirica, narrativa, saggistica, epistolare — perde motivi e conflitti cruciali, i cardini stessi di una visione-versione del mondo fra le più tragiche del Novecento.” (dall’introduzione di Serena Vitale)

Autore

Serena Vitale

È nata a Brindisi. Ha studiato lingue e letterature slave con Angelo Maria Ripellino a Roma. Dal 1972 ha insegnato letteratura russa a Milano, Genova, Napoli, Pavia. Vive a Milano, dove dal ’97 è docente di lingua e letteratura russa all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ha tradotto migliaia di pagine, dal russo (opere, in prosa o in versi, di V. Nabokov, O.Mandel’štam, A. Puškin, M. Cvetaeva, A. Belyj, I. Brodskij e altri) come dal ceco (romanzi di M. Kundera, L. Vaculík, V. Fuks). Per la sua attività di traduttrice ha vinto, tra l’altro, il premio Monselice (1975, 1989), il premio Mondello (1985), il premio della Presidenza del Consiglio (2000), il premio Grinzane-Cavour (2005). È autrice di saggi (su Mandel’štam, Belyj, Esenin, Cvetaeva, Puškin, Aksakov, Šklovskij ecc; alcuni sono stati ripubblicati in Viaggi, Saggi. Omaggio a Serena Vitale, “Il Giannone”, n. 15-16, 2010) e monografie. Tra queste ultime: Il bottone di Puškin (Adelphi 1995, premio Viareggio per la saggistica, premio G. Comisso per la biografia, premio Basilicata per la narrativa), tradotto in nove lingue; La casa di ghiaccio: Venti piccole storie russe (Mondadori 2000; premio Bagutta, premio Brancati, premio Piero Chiara); L’imbroglio del turbante (Mondadori 2006, premio Pen Club, premio Grinzane-Cavour). Il suo libro più recente è A Mosca, a Mosca! (Mondadori 2010). Scrive articoli e recensioni per le pagine culturali dei principali periodici italiani.