Responsive image
Colette

Mi piace essere golosa

traduzione di Angelo Molica Franco

Amazzoni
2014, epub

ISBN: 9788862432351
€ 5,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

“L’amore, miracolo da spaccarvi le ossa, catastrofe stupefacente, ospite imperioso, muta in modo singolare quando si stabilisce in una fragile dimora terrestre… Accettatelo per quello che è. E vi stupirà per la sua longevità.”

Provocatrice e sensuale, Colette scatena tutta la sua golosità di cibo e di vita in questi tredici articoli scritti per “Marie-Claire” tra il 1938 e il ’40. Che si tratti di cucina, di amore, di animali, di fiori, lo sguardo dell’autrice si posa libero sul mondo che la circonda.

Autore

Colette

Sidonie-Gabrielle Colette (1873-1954), scrittrice, autrice e critica teatrale, giornalista, sceneggiatrice e molto altro ancora, è stata una delle grandi protagoniste della sua epoca. Tra le sue opere ricordiamo la fortunata serie di Claudine, La Vagabonda (1911), Chéri (1920), La gatta (1933), Il puro e l’impuro (1941), Il kepì (1943), Gigi (1944) e Prigioni e paradisi (1949). Insignita delle più importanti onorificenze, è stata la prima donna nella storia della Repubblica Francese a ricevere funerali di Stato.

Rassegna stampa
Beatrice Mantovani, Sul Romanzo, 30/09/2014

Recensione

Cecilia Mariani, Critica Letteraria, 19/06/2014

Recensione

Livio Partiti, IL POSTO DELLE PAROLE, 01/06/2014

Conversazione con Angelo Molica Franco

Stefano Bonilli, paperogiallo.net, 28/05/2014

Colette e il caffelatte della portiera

Gennaro Malgieri, ilgiorno.it, 23/05/2014

Esplorando il favoloso mondo di Colette

Shanmei, liberidiscrivere.wordpress.com, 12/05/2014

Recensione

Donato Marrazzo, il Sole 24 ore-Domenica, 30/03/2014

Colette, che minestrina!

Donatella Remy, TuttoLibri - La Stampa, 29/03/2014

Scheda

Lavinia Capritti, oggi.it, 27/03/2014

Non indovinerete mai a quale star piace essere golosa…

Marie Claire, 17/01/2014

Scheda

Lara Crinò, Il Venerdì di Repubblica, 17/01/2014

Le ricette borghesi di una scandalosa signora delle lettere