Responsive image
Lidija Dmitrievna Zinov'eva-Annibal

Trentatré mostri e due racconti

traduzione di Daniela Di Sora postfazione di Sergio Trombetta

e.klassika
2016, eBook

ISBN: 9788862432115
€ 4,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Trentatré mostri di Lidija Dimitrevna Zinov’eva Annibal è il primo esempio in Russia di letteratura a tema lesbo, all’indomani della sua pubblicazione nel 1906 suscitò un tale scalpore che la tiratura del libro venne ritirata fino al marzo del 1907: sei mesi dopo l’autrice morirà. Attraverso una narrazione in prima persona, il tormentato amore tra l’attrice Vera e la sua giovane amante diventa l’emblema della divergenza tra l’ideale dell'arte e l’oggetto del nostro amore nella vita quotidiana. Gli orsetti e Lupi sono tratti dalla raccolta, inedita in Italia, Tragičeskij zverinec (Bestiario tragico) uscita a San Pietroburgo nel 1907.
Lidija Dimitrevna Zinov’eva-Annibal, moglie e musa ispiratrice di Vjačeslav Ivanovič Ivanov, è stata la menade del simbolismo russo, i racconti in questa raccolta sono rappresentativi del suo mondo ribelle e anticonformista, del suo carattere eccentrico e del profondo sentire. 

Autore

Lidija Dmitrievna Zinov'eva-Annibal

Lidija Dmitrievna Zinov’eva-Annibal (1866-1907) poetessa, narratrice e drammaturga dell’Età d’argento della cultura russa, fu moglie del famoso poeta e drammaturgo Vja?eslav Ivanov, figura centrale del simbolismo russo. Proveniente da una famiglia nobile, tra i suoi antenati materni c’è anche il bisnonno di Puškin, Abram Petrovi? Gannibal, da cui Lidija Zinov’eva adotterà lo pseudonimo “Annibal”. Dopo un primo matrimonio in giovane età con il suo insegnante, incontra Vja?eslav Ivanov a Roma nel luglio del 1893; il loro matrimonio rappresentò anche l’unione di due personalità eccezionali, fonte di una forte creatività artistico-letteraria: il salotto letterario “La Torre” nel loro appartamento a Pietroburgo fu il luogo preferito dai simbolisti. Le sue poesie, racconti e articoli apparvero in diverse riviste letterarie tra cui “Vešy”. Tra le sue opere in Italia è stato pubblicato solamente Trentatré mostri,uscito a San Pietroburgo nel 1907, poco prima della sua morte per scarlattina nell'ottobre del 1907.